jump to navigation

Intolleranze alimentari ed allergie

Le Intolleranze Alimentari si differenziano dalle Allergie Alimentari vere e proprie perché non producono shock anafilattico e di solito non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell’organismo, e quindi spesso non sono direttamente collegabili all’assunzione del cibo che le determina.

Esse derivano dall’impossibilità dell’organismo di digerire un dato alimento, a causa di difetti metabolici che possono essere causati dallo stile di vita (scarsa masticazione, errate combinazioni alimentari, ecc.), o da stati emotivi alterati, oppure possono essere scatenate dall’assunzione di Antibiotici.

Le Intolleranze Alimentari si manifestano quasi sempre con una sintomatologia generale più o meno sfumata (stanchezza, cefalea, gonfiori addominali postprandiali, infezioni ricorrenti, dolori articolari, ecc.) o con modificazioni cutanee (pelle secca, eczemi, orticaria, ecc.); spesso sono correlate a disordini del peso corporeo, sia in eccesso che in difetto. Per quanto riguarda la ipersensibilità agli alimenti, una delle cause è da ricercare nell’utilizzo delle stesse sostanze alimentari nell’alimentazione quotidiana. Oggi è facile mangiare frutta di stagione sempre, in qualsiasi periodo dell’anno. Difatti le intolleranze si manifestano spesso verso determinate categorie di alimenti il cui utilizzo quotidiano è sempre più frequente.

Le allergie alimentari sono l’effetto che hanno su di noi alcune sostanze contenute nei cibi che assumiamo con la dieta.

Tutti gli alimenti possono scatenare allergia,ma in realtà solo poco sono i più frequenti:

Le allergie respiratorie sono invece provocate da sostanze volatili che respiriamo (pollini, forfora dei cani e dei gatti, acari, etc. e si manifestano in modo violanto dopo pochi minuti dall’ingresso nel corpo della sostanza scatenante.

PER SAPERNE DI PIU’

L’uomo vive in un ambiente ricco di microorganismi patogeni che possono causargli reazioni allergiche.
Sembra che la causa scatenante queste allergie sia da ricercare nei fattori ambientali. Una recente teoria, denominata “Hygiene Hypothesis”, indica nell’eccesso di igiene una delle cause che favoriscono l’insorgere dell’allergia. È dimostrato infatti che un ambiente (o cibo) eccessivamente “sterilizzato” non è salutare per il sistema immunitario che diviene più prono allo sviluppo di allergie. Fra le varie osservazioni che avallano tale ipotesi si è rilevato che nei bambini che vivono in ambiente rurale o che hanno un gatto in casa (dimostrato nei primi due anni di vita), la probabilità di allergia si riduce in modo significativo. Le allergie sono meno diffuse tra coloro che sono a stretto contatto con microbi fecali o alimentari, poiché la flora batterica di questi individui è ricca di microbi che producono endotossine, le quali inibiscono la produzione di proteine allergizzanti, che altrimenti stimolano il tessuto linfatico intestinale incrementando le probabilità di asma e rinite allergica. Nei paesi occidentali il precoce utilizzo di antibiotici nei bambini, l’ampio utilizzo di additivi chimici negli alimenti e la loro sterilizzazione, sembrano ritardare lo sviluppo di tale flora batterica.

La causa? Smog, pesticidi e stress abbassano le difese naturali, siamo cioè più vulnerabili. Evitando il contatto con animali domestici, distruggendo zanzare, mosche ed altri insetti “fastidiosi”, eliminando i germi sul pavimento con prodotti inquinanti, impediamo al nostro organismo di entrare in contatto con batteri che lo stimolano a produrre difese immunitarie naturali, attivando così il sistema immunitario e proteggendolo al tempo stesso.

Annunci

Commenti»

1. Sandra - 18 aprile 2016

Buongiorno, vorrei sapere se è corretto parlare di intolleranza al nichel o se esiste solo l’allergia a questo metallo e se le analisi del sangue sono attendibili, per rintracciare tale problema, quanto lo è il patch test. Grazie

aliaconlus - 20 aprile 2016

Buonasera e grazie per averci contattato.
Le risposte ai suoi due quesiti sono:
1) L’allergia si manifesta “per contatto” mentre L’intolleranza riguarda eventuali disturbi gastrointestinali.
2) Il patch test rileva Allergie mentre l’esame del sangue rileva eventuali intolleranze.
Cordialità

2. Sandra - 18 aprile 2016

Buongiorno, vorrei sapere se è possibile parlare di intolleranza al nichel o se, per questo metallo, si parla solo di allergia e se le analisi del sangue sono attendibili quanto lo è il patch test. Grazie


Rispondi a Sandra Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: